Meleda: turismo tra le isole di Ulisse

Meleda (in croato Mljet) è una piccola isola al largo della costa meridionale della Dalmazia, dove il turista che cerca la quiete dei boschi ombreggiati e delle limpide acque fredde dell’Adriatico, potrà godersi una vacanza di relax tra mito e natura.
Secondo la leggenda infatti, Meleda corrisponderebbe ad Ogigia, l’isola dove Ulisse trascorse sette anni in compagnia della ninfa Calipso, ed è proprio Omero il primo a descrivercela appunto come un paradiso terrestre dal quale l’eroe dell’Odissea non volle allontanarsi fin quando non fu obbligato dagli stessi dei dell’Olimpo (il nome greco dell’isola, Melita Nesos, significa appunto “isola di miele”).

 

Great Lake, Island of Mljet, Croatia

Great Lake, Island of Mljet, Croatia (Photo credit: Wikipedia)

Interamente coperta da foreste (pini e lecci ricoprono l’85% dell’intera superficie dell’isola), i cui alberi declinano fino ad immergere le radici nelle gelide acque marine, come a volerne anche loro beneficiare delle proprietà tonificanti del Mediterraneo, a Meleda la rada popolazione (poco più di 1000 abitanti) è sparsa in tanti piccoli insediamenti. Oltre che ammirare i meravigliosi paesaggi naturalistici, o effettuare immersioni alla scoperta dei numerosi molluschi, mitili e delle variopinte conchiglie, potremo anche deliziarci nello scoprire l’incredibile varietà di specie animali protette nei 5000 ettari di Parco Nazionale di Mljet, svagandoci in rilassanti passeggiate a piedi o in bicicletta, alla scoperta della ricchissima flora insulare. Qui in ampie insenature ricche di rigogliosa vegetazione, potremo trovare i due laghi salati di Veliko e Malo Jezero, che potremo attraversare in canoa, o farci il bagno nelle acque dense e gradevolmente tiepide. Nel centro del lago di Veliko Jezero (Lago Grande) poi, sorge un isolotto sul quale in epoca romana i benedettini edificarono nel V secolo il Monastero Santa Maria del Lago (Sveta Marija zred Jezera), oggi in mano ai gesuiti, che è possibile visitare. Per gli amanti del turismo archeologico, si possono ancora visitare anche i resti di una villa romana del III-IV secolo e di una basilica paleocristiana, presso l’insediamento di Porto Palazzo (Polace).

Infine potremo inerpicarci lungo i crinali del Monte Kuc, dalla cima del quale potremo scattare numerose fotografie all’intera isola grazie allo straordinario belvedere, per poi riscendere in tutta tranquillità grazie alla funicolare.
Se cerchiamo invece lidi di sabbia dove poterci godere il sole in pieno relax, dobbiamo invece recarci nella regione sud-orientale dell’isola, presso Saplunara, dove potremo trovare vicino le spiagge, diversi ristoranti dove sarà possibile mangiare dell’ottimo pesce fresco a prezzi molto contenuti, pescato appositamente sul momento per i turisti dagli abitanti del luogo.

Per raggiungere Meleda sono disponibili dei traghetti dalle vicine località Dalmate di Dubrovnik e Prapratno, in grado anche di trasportare le automobili (che non possono però transitare nell’oasi protetta del parco), ma per chi vorrà soggiornare sull’isola, l’Hotel Odisej è l’unico disponibile e si trova nel centro abitato di Pomena. Le ben più suggestiva alternativa, è però quella di fermarsi a dormire nelle numerose e pittoresche locande a gestione familiare, oppure affittare un appartamento locale direttamente sul posto, come ad esempio presso l’eco-villaggio di Soline 6.

Articolo a cura di: Dr. Claudio Butticè

Condivisioni
Leggi articolo precedente:
Harbour_of_Sibenik
Sebenico: una vacanza tra spiagge e medioevo

Sebenico, in croato Šibenik, è una pittoresca località turistica croata di quasi 50.000 abitanti, sita nell’omonima regione della Dalmazia alle...

Chiudi